ATTIVITÀ CHIRURGICA

                                          

CHIRURGIA ENDOVASCOLARE

TRATTAMENTO ENDOVASCOLARE DELLE STENOSI CAROTIDEE

ANGIOPLASTICA E STENTING CAROTIDEO

La tecnica endovascolare di angioplastica e stenting carotideo vede le sue principali indicazioni nelle restenosi carotidee, stenosi carotidee in colli ostili, in caso di pregressa tracheotomia o di paralisi corda vocale controlaterale, in cantanti lirici, nelle stenosi post-attiniche.


La procedura, eseguita in sala operatoria e con assistenza anestesiologica continua, prevede il posizionamento del paziente supino sul letto operatorio con il capo il estensione. Il paziente rimane sveglio e lucido durante tutto l'intervento, collaborando con gli operatori.

Anestesia loco-regionale.

Accesso percutaneo  in arteria femorale destra, in alternativa in arteria femorale sinistra.

Eparinizzazione per via sistemica.

Incannulazione selettiva dell'asse carotideo sede di stenosi.

Esecuzione di studio angiografico pre-stenting.

Posizionamento di sistema di protezione cerebrale (filtro) distalmente alla placca.

Rilascio di stent al nitinolo a ricoprire il tratto di arteria sede di malattia.

Eventuale angioplastica post-stenting e controllo angiografico finale.

Recupero del sistema di protezione cerebrale.


Immagine arteriografica intraoperatoria di stenosi subocclusiva all'origine dell'arteria carotide interna.

 


CAS-web.jpg

 

 

 

Immagine arteriografica intraoperatoria dopo posizionamento di stent sull'arteria carotide interna.




Il follow up post-operatorio si esegue mediante studio eco-doppler dei tronchi sovra-aortici.

CAS-ECD-web.jpg




 

Le malatti


 

©2002 - 2020 Clinica di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare Padova - Registrazione - TERMINI D’USO DEL SITO - Privacy e cookies - Site map - Credits